Il vecchio motivetto

Titolo originale: The old tune | Data di composizione: 1960 | Prima trasmissione: BBC, 23 agosto 1960 | Prima edizione: Editions de Minuit, 1960 | Edizioni italiane: Einaudi/Gallimard, 1994Einaudi, 1985

Robert Pinget (1919-1997), scrittore francese, tra i principali esponenti del nouveau roman.

Il vecchio motivetto non è un’opera di Samuel Beckett. Si tratta invece della traduzione in inglese del radiodramma La manivelle (“l’organetto”) di cui è autore lo scrittore francese Robert Pinget. I due scrittori si erano conosciuti grazie all’editore Jerome Lindon delle Editions de Minuit e tra loro era presto nata un’amicizia.
La trama di quest’opera non ha un’evoluzione precisa. Si tratta più che altro di un “quadro” radiofonico in cui due anziani signori (il benestante Mr. Cream e il suonatore ambulante di organetto Gorman) si incontrano e iniziano a chiacchierare tra loro. Il dialogo, che costituisce l’unico contenuto di tutto il lavoro, è tipico delle persone anziane: molti errori, molte dimenticanze, vecchi ricordi i cui dettagli vengono spesso corretti in seguito. Intorno, la città con i suoi rumori e il progresso incombente (qui rappresentato dai fastidiosi rombi di motore delle autovetture).
Tracciare dei collegamenti tra l’impegno di traduzione di Beckett e il resto della sua opera non è così immediato. Beckett era affascinato dalla poetica di Pinget e dal suo lavoro nell’ambito del nouveau roman, ma La manivelle ha poco a che fare con i grandi capolavori beckettiani. Forse l’unico elemento in comune è il lento disfarsi della memoria dei protagonisti, una rappresentazione della inesorabile fine dei personaggi tipica di moltissime opere di Beckett che nell’idea di Pinget assume però toni faceti. Gontarski annota che un Mr. Cream compare anche in Watt. Lì era un avvocato, qui è padre di un giudice.
Il lavoro di Beckett consistette soprattutto nel trasporre il francese di Pinget nel tipico irlandese dubliner della grande tradizione teatrale di O’Casey (lavoro che non può che perdersi nelle traduzioni italiane). Come musica dell’organetto, Beckett scelse The Bluebells Of Scotland, un brano tradizionale, rifacendosi al cespuglio di campanule (bluebells, appunto) cui accennano ad un certo punto i due personaggi constatando tristemente che là dove una volta c’erano prati in fiore trovavano ora posto strade e automobili.
La prima radiofonica della traduzione inglese de La manivelle fu trasmessa dalla BBC il 23 agosto 1960. La regia era di Barbara Bray. Cream e Gorman erano interpretati rispettivamente da Jack McGowran e Pat Magee.


Hit Counter provided by Los Angeles Windows