Il mondo della Trilogia

Il mondo della Trilogia

Dopo Beckett, Bion, Murphy, Watt e gli altri, Stefania Resta, psicologa e psicoterapeuta, prosegue la sua riflessione in chiave antropoanalitica dell’opera dell’autore irlandese.

Il nuovo articolo – Il mondo della Trilogia di Samuel Beckett, appena pubblicato nella sezione Materiali – indaga Molloy, Malone muore e L’Innominabile, i romanzi del ‘periodo nero’ di Beckett: tre universi relazionali al cui centro si trovano temi cari a Ludwig Binswanger e Diego Napolitani: la relazione con l’esistenza, la coscienza, la ricerca di un mondo in cui poter abitare. Tre opere profondamente intime il cui filo conduttore riguarda il travaglio della nascita tra desiderio e impossibilità, tra poter-essere e dover-essere, tra destino e progetto. Anime in lotta, prigioniere di sé ed in sé, lacerate e violente che, nonostante tali circostanze, intessono tra genealogia e trascendenza un discorso sul loro Dasein.

Nell’immagine: Cooldrinagh, la dimora natale di Samuel Beckett (Foxrock, Dublino).

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • Beckett, Bion, Murphy, Watt e gli altriBeckett, Bion, Murphy, Watt e gli altri Watt non ha affetti, accanto a lui non ci sono presenze vive, ad eccezione del suo padrone con il quale intrattiene un rapporto asimmetrico retto su “nozioni fluttuanti”, in una casa in […]
  • Malone muore (ancora)Malone muore (ancora) Einaudi fa tornare in libreria Malone muore, capitolo centrale della trilogia romanzesca di Samuel Beckett (preceduto da Molloy e seguito da L’innominabile). La traduzione è di Aldo […]
  • Beckett e l’11 settembreBeckett e l’11 settembre In un articolo apparso sull’edizione on line del Salt Lake Tribune, Sean P. Means vede nella frase “Non posso continuare. E io continuo” una descrizione del modo in cui gli statunitensi […]