SO LONG, BILLIE

SO LONG, BILLIE

Il 21 dicembre scorso, dunque esattamente un giorno prima del venticinquesimo anniversario della morte di Samuel Beckett, se ne è andata Billie Whitelaw. Beckett la definì “l’attrice perfetta” e per chiunque conosca l’opera dell’Irlandese è difficile non associare immediatamente al suo teatro il nome della Whitelaw.

Billie Honor Whitelaw aveva 82 anni, gli ultimi dei quali trascorsi in una casa di riposo di Hampstead. Era stata sposata prima con l’attore Peter Vaughan e poi con il critico teatrale Robert Muller. Aveva recitato in molti film (tra cui Il presagio) e in moltissime produzioni teatrali, ma per noi beckettiani Billie Whitelaw sarà sempre la spettrale figura di Dondolo e Passi e soprattutto la formidabile bocca di Non io.

Qui trovate un ricco speciale del Guardian dedicato all’attrice.

Nella foto: Billie Whitelaw e Samuel Beckett durante le prove al Royal Court Theater di Londra, maggio 1979.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • Rapide e lente amnesieRapide e lente amnesie Beckett assurdo? Beckett criptico e incomprensibile? Forse solo perché molte sue opere per il teatro, la radio, la televisione e il cinema sono sconosciute ai più. Da questa considerazione […]
  • Addio, primo LuckyAddio, primo Lucky Il 2 febbraio scorso è morto nella sua casa di Parigi, in seguito a un tumore, l’attore francese Jean Martin. Aveva 87 anni. La sua fama internazionale è legata soprattutto al ruolo […]
  • Prigionie (in)visibiliPrigionie (in)visibili In programma alla Casa dei Teatri dal 6 novembre una straordinaria mostra che percorre i cambiamenti e gli elementi costanti nell’approccio alle opere di Samuel Beckett, invitando i […]