Il teatro sotterraneo di Oxford

Il teatro sotterraneo di Oxford

Nel 1971 gli studi di architettura Foster & Associates e Buckminster Fuller iniziarono a lavorare su un progetto ambizioso commissionato dal St. Peter’s College di Oxford: un teatro sotterraneo da intitolare a Samuel Beckett.

oxford-map-1

oxford-map-2

L’istituto, in realtà, aveva richiesto il progetto per l’edificazione di una struttura che potesse funzionare sia come sede per la messinscena di spettacoli teatrali che come scuola di recitazione e spazio per eventi e conferenze. Fu Buckminster Fuller a immaginare un edificio sotterraneo, esattamente sotto il complesso principale del St. Peter’s College.

subterranean-beckett-theatre-1

Gli spazi esterni disponibili in superficie e adeguati ad ospitare il teatro, infatti, erano troppo distanti dal College. In questo modo, invece, si sarebbero centralizzate le strutture nella stessa area geografica.

tucker-cover

Il progetto non venne mai realizzato perché il committente non riuscì a mettere insieme i fondi necessari. Oggi un saggio di David Tucker, A Dream And Its Legacies: The Samuel Beckett Theater Project (Oxford University Press, 2014), ripercorre la storia di questa impresa incompiuta, approfondendo momenti meno noti della biografia di Samuel Beckett.

subterranean-beckett-theatre-2

La pagina dedicata al progetto sul sito della Foster & Associates

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • Teatrino Giullare: visioni della scacchieraTeatrino Giullare: visioni della scacchiera Davvero un volume prezioso questo Giocando finale di partita edito dalla Titivillus nel 2006 e tutto dedicato a una delle messinscene più originali e al tempo stesso rigorose di Finale di […]
  • Il manoscritto di “Endgame”Il manoscritto di “Endgame” Come già detto, qualche giorno fa ho avuto l’occasione di sfogliare il manoscritto originale della traduzione dal francese all’inglese di Finale di partita che lo stesso Beckett compì nel […]
  • Aspettando Godot: la prima recensioneAspettando Godot: la prima recensione Più precisamente la prima recensione dopo la prima londinese, il 3 agosto 1955, all’Arts Theater per la regia di Peter Hall. La prima in assoluto di Aspettando Godot, infatti, si tenne al […]