L'occhio palindromico in "Film"

L’occhio palindromico in “Film”

Per Beckett la filosofia «è il negozio da rigattiere che gli fornisce alcuni pezzi per i suoi meccanismi narrativi: in essi la filosofia svela le proprie nascoste follie, scopre la propria miseria». È da questo «negozio da rigattiere» che spunta anche un’opera come Film; opera in cui è possibile isolare una caratteristica sommersa dell’occhio beckettiano: la proprietà “palindromica”.

Per gentile concessione dell’autore e dell’editore è ora disponibile, nella sezione materiali, un estratto dal saggio di Luigi Ferri Filosofia della visione e l’occhio palindromico in Film di Samuel Beckett pubblicato nel volume a cura di Anna Dolfi “Il racconto e il romanzo filosofico nella modernità” (Firenze University Press, 2013).

Nell’immagine: statuetta di orante, Iraq, 2.700 a.C.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • La sequenza perduta di «Film»La sequenza perduta di «Film» La sequenza iniziale di Film, il celebre cortometraggio del 1964 commissionato dalla Grove Press a Samuel Beckett, con soggetto e sceneggiatura dello stesso Beckett, regia di Alan […]
  • «Film», la conoscenza e il nulla«Film», la conoscenza e il nulla Vale la pena ricordare come, nella mitologia nordica, il dio Odhinn era rappresentato con un occhio solo: questi, infatti, aveva ceduto un occhio in cambio della onniscienza, al termine […]
  • “Film” al Museo Madre di Napoli“Film” al Museo Madre di Napoli Stasera (15 febbraio 2013, ore 19), nell'ambito della rassegna Audiovisioni al Museo Madre di Napoli, appuntamento con Percezioni. L'incontro è un'occasione per vedere Film con la musica […]