Google's Not I

Google’s Not I

ImsoemptyIlikememes, artista attivo nell’ambito della net art (questo il sito dove pubblica i suoi lavori), ha realizzato una versione di Non io dove la bocca della protagonista è la search box del più utilizzato motore di ricerca del mondo e la voce recitante è ottenuta con una sintesi digitale.

Fai click qui per vedere l’opera.

Il risultato è interessante perché il celebre “vuoto” della home page di Google ricorda bene il buio da cui emerge la bocca monologante e la meccanicità della voce digitale è una buona metafora della disperata testardaggine della protagonista. Insomma non si tratta (solo) di un web divertissement ma di un onesto tentativo di mantenersi fedeli allo spirito dell’opera originale pur adattandola ai nuovi mezzi espressivi.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • Nascita di WinnieNascita di Winnie Sull'edizione on line del Guardian, il mese scorso, è apparso un approfondito articolo di James Knowlson dal titolo «What lies beneath Samuel Beckett's half-buried woman in Happy Days?» […]
  • Il Trittico di Krypton a RomaIl Trittico di Krypton a Roma Il 14 e il 15 dicembre al Teatro Biblioteca Quarticciolo e il 16 e il 17 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca di Roma arriva la Compagnia Krypton per portare nuovamente in scena il Trittico […]
  • Turturro HammTurturro Hamm «Certe volte mi chiedo se la mia testa funzioni – dice Clov a un certo punto di Finale di partita – Poi passa e torno lucido come prima». Certe volte anche io mi faccio la stessa domanda. […]