Beckett and animals

Beckett and animals

A fine mese la Cambridge University Press pubblicherà una raccolta di saggi a cura di Mary Bryden intitolata Beckett and Animals. Ecco la scheda editoriale:

Gli animali che appaiono nelle opere di Samuel Beckett sono molti e imprevedibili. Assumono di volta in volto i ruoli di vittime e aguzzini, di compagni e avversari, di osservatori sconcertanti ed esseri invisibili all’occhio umano.
Riunendo esperti beckettiani di ogni paese, questo saggio è il primo studio approfondito che indaga sul significato degli animali che popolano la prosa, la drammaturgia e la poesia di Beckett. I singoli testi studiano l’ampio spettro di manifestazioni animali concentrandosi sui ruoli che distinguono le varie specie all’interno dell’opera beckettiana, dai cavalli alle pecore, dai cani ai gatti, dalle api agli insetti. Gli autori mettono in relazione lo studio dei testi beckettiani con il vasto contesto culturale in cui si situano, passando da Aristotele a Deleuze, da Focault ad Agamben fino ad altri scrittori come Flaubert, Kafka e Coetzee.
Il risultato è un insieme incisivo e provocatorio che supera i confini tra le discipline rivelando come le creature beckettiane mettano in crisi la nozione convenzionale di identità di specie e, in ultima analisi, il significato stesso della natura umana.

intext-beckett-animals

Indice del volume

List of Contributors; Acknowledgements; List of Abbreviations
Introduction, by Mary Bryden

Part I: Animality

1. Shane Weller, ‘Forms of Weakness: Animalisation in Kafka and Beckett’;
2. Yoshiki Tajiri, ‘Beckett, Coetzee, and Animals’;
3. Mary Bryden, ‘The Beckettian Bestiary’;
4. David Wheatley, ‘”Quite Exceptionally Anthropoid”: Species Anxiety and Metamorphosis in Beckett’s Humans and Other Animals’;
5. Naoya Mori, ‘”An Animal Inside”: Beckett/Leibniz’s Stone, Animal, Human and the Unborn’;
6. Ulrika Maude, ‘Pavlov’s Dogs and Other Animals in Samuel Beckett’;
7. Yoshiyuki Inoue, ‘Little Animals in the Brain: Beckett’s “porteurs de la mémoire”’.

Part II: The Specificity of Animals

8. Jean-Michel Rabaté, ‘”Think, Pig!”: Beckett’s Animal Philosophies’;
9. Linda Ben-Zvi, ‘Beckett’s “Necessary” Cat(s)’;
10. Steven Connor, ‘Making Flies Mean Something’;
11. Joseph Anderton, ‘”Hooves!”: The Equine Presence in Beckett’;
12. Angela Moorjani, ‘The Dancing Bees in Samuel Beckett’s Molloy: The Rapture of Unknowing’;
13. Chris Ackerley, ‘”Despised for Their Obviousness”: Samuel Beckett’s Dogs’;
14. Julie Campbell, ‘Beckett and Sheep’;
15. Maximilian de Gaynesford, ‘”Eyes in Each Other’s Eyes”: Beckett, Kleist, and the Fencing Bear’;
16. Brigitte Le Juez, ‘Words Without Acts: Beckett’s Parrots’.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  • Secondo volume dell’epistolario beckettianoSecondo volume dell’epistolario beckettiano Prosegue il meritorio lavoro che stanno compiendo George Craig, Martha Dow Fehsenfeld, Dan Gunn e Lois More Overbeck per la Cambridge University Press. È infatti fresco di stampa il […]
  • Se Beckett avesse avuto aNobiiSe Beckett avesse avuto aNobii Il blog della Cambridge University Press pubblica la lista dei gusti di lettura di Beckett. A parte alcune fissazioni già note (l’Effi Briest di Theodore Fontaine) e qualche autore […]
  • Curiosando tra i libri di BeckettCuriosando tra i libri di Beckett Ad aprile 2013 sarà disponibile il volume Samuel Beckett's Library (Cambridge University Press, la stessa che sta curando la pubblicazione integrale dell'epistolario beckettiano). Il […]